cult pop


 

cultura popolare
 

''la maggior parte delle persone si fa dire dagli altri quali sono i suoi bisogni, ma se tu non sai di cosa hai bisogno, non sai chi sei, e se non sai chi sei, hai bisogno di un recinto, di un perimetro che ti rimandi la tua immagine: allora dici io sono un dottore, io sono un operaio, io sono un professionista, e quando smetti di esserlo, pensi di non essere più niente! ma tu non sei il tuo stipendio, e se qualcuno guadagna 10 volte più di te, non vale 10 volte più di te! e se tu pensi che valga tanto, allora sei tu che hai stabilito il patto per la tua schiavitù! e se tu pensi di essere il tuo stipendio, allora non sai chi sei, e se non sai chi sei, avrai sempre bisogno di qualcuno che ti dica di cosa hai bisogno?”.

 

video I Balasso e il lavoro

 

 
Una visione più rilassata della vita e del lavoro fa tradizionalmente parte della cultura popolare veneta. Natalino Balasso, nato a Porto Tolle, un comune di diecimila abitanti in provincia di Rovigo, raccoglie il testimone di Lino Toffolo, attore, cantautore e cabarettista di Venezia, da poco andatosene in pace, e speriamo con calma.   N.d.R.C.
 
 
audiovideo I Lino Toffolo - Ah, lavorare è bello
 
« Ah, lavorare è bello / è bello lavorar / prendiamoci un martello / e andate a lavorar »
 
Lino Toffolo, Ah, lavorare è bello, 1970
 

 
Un saluto a Lino Toffolo, artista e profeta del “downshifting”
 
la scelta di uno stile di vita meno faticoso e più gratificante e di una maggiore disponibilità di tempo libero, attuata riducendo volontariamente il tempo e l'impegno dedicati all'attività professionale, con conseguente rinuncia a una carriera economicamente soddisfacente.
 
Lino Toffolo è stato uno dei pochi onesti partigiani di una vita calma, molto prima che diventasse uno stile di vita smart chiamato downshifting.